I giorni di una mamma che lavora e che vuole affrontare serenamente le sue sfide quotidiane sono oltremodo frenetici, pieni di gioia, ma anche colmi di imprevisti. Giornate in cui si mettono in campo tanta passione accompagnata da un dispendio di risorse fisiche e mentali. Per questo riposare bene la notte per me è fondamentale perché mi consente di affrontare la mia quotidianità come atleta e come mamma, con la giusta serenità ed equilibrio.

 

L’importanza del sonno per la mamma e per l’atleta

Anche io, come molti, ho dei piccoli rituali prima di addormentarmi. Il sonno è la base per ricaricare le energie ed è basilare nella vita di tutti i giorni, figuriamoci prima di un impegno importante come lo è stato per me quello di Kazan per la prova di Coppa del Mondo di fioretto. Non vi nascondo che la notte prima di una gara così si preannuncia sempre piena di adrenalina, ma è fondamentale per me mitigare quella tensione, che poi è la stessa che ognuno può vivere prima di un appuntamento importante,  riguardi il lavoro o la sfera personale.

 

Rescue Night: un alleato fondamentale

Io ho trovato il mio alleato 100% naturale per il buon riposo: Rescue Night. L’ho portato con me e mi è stato di grande aiuto. Ho trascorso una notte serena, senza pensieri e mi ha fatto rilassare anche durante il viaggio molto lungo in cui ho dovuto cambiare ben due aerei e muovermi anche di notte. Dormire bene per me è vitale! Riposare non solo la giusta quantità di tempo per recuperare le energie perse ma farlo anche in maniera tranquilla: un traguardo fondamentale per migliorare la qualità della vita.

I trucchi per riposare bene: indumenti leggeri, cena light e tante coccole!

Un altro accorgimento che può sembrare banale ma che adotto fin da quando ero ragazza è indossare indumenti leggeri, anche al tatto e che lascino respirare la pelle. Odio il caldo eccessivo quando dormo, anche d’inverno. Se poi ho avuto una giornata piena di allenamenti ho bisogno di ritrovare le energie perse. Un accorgimento fondamentale è quello di lasciar passare un bel po’ di tempo tra la fine delle mie attività fisiche e il momento in cui vado a dormire, perché ho bisogno di scaricare l’adrenalina. Dopo una cena leggera, perché sappiamo tutti che la digestione di notte è più lenta, cerco di trascorrere quanto più tempo possibile con i miei cari. Con Ettore e Ivan giochiamo, ci divertiamo e scarico al massimo la tensione in questo modo. Sono loro i miei principali motivatori e mi danno sempre la giusta dose di serenità e tranquillità per dare il massimo in pedana come nella vita. Tutto questo è la mia ricarica per essere ogni nuovo giorno più pronta che mai per altre sfide da atleta e da mamma!